HPV: una singola dose di vaccino previene la malattia pre-invasiva alla cervice

(Reuters Health) – Le ragazze di età compresa tra i 15 e i 19 anni che ricevono una, due o tre dosi di vaccino contro il papillomavirus umano (Hpv) presentano una ridotta incidenza di malattia pre-invasiva alla cervice. È quanto emerge da un recente studio condotto in Texas.

Numerosi lavori sul livello di protezione di varie dosi di vaccino contro l’Hpv hanno prodotto risultati contrastanti. Per le donne che iniziano la vaccinazione dopo i 15 anni, sono ancora raccomandate tre dosi a 0, da 1 a 2 e a 6 mesi.

Lo studio
Ana M. Rodriguez della University of Texas Medical Branch di Galveston e colleghi hanno utilizzato i dati sulle richieste di risarcimento alle assicurazioni sanitarie del database Optum’s Clinformatics Data Mart per esaminare l’associazione di una, due e tre o più dosi del vaccino Hpv quadrivalente con l’incidenza cumulativa dei tassi di neoplasia intraepiteliale cervicale, confermata istopatologicamente (CIN) II / III, e citologia di alto grado (lesioni intraepiteliali squamose di alto grado (HSIL) o cellule squamose atipiche (ASC-H)).

Più della metà delle 66.541 donne vaccinate nello studio (il 58,3%) ha ricevuto tre o più dosi di vaccino Hpv; il resto (il 41,7%) ne ha ricevuta una o due. I ricercatori hanno confrontato i dati con quelli di un gruppo di donne non vaccinate.

I risultati
La vaccinazione contro l’Hpv con un numero qualsiasi di dosi è stata associata a un rischio significativamente più basso di malattia cervicale preinvasiva (CIN II / III) tra le donne di età compresa tra 15 e 19 anni. Il rischio è stato inferiore del 36% con una dose, inferiore del 28% con due dosi e inferiore del 34% con tre dosi, rispetto alle donne non vaccinate.

Tra quelle che hanno ricevuto due dosi, il rischio di malattia cervicale preinvasiva non differiva tra quelle che avevano ricevuto due dosi a più di sei mesi di distanza e quelle che lo avevano fatto in un intervallo più breve.

Solo il ricevimento di tre o più dosi di vaccino contro l’Hpv è stato associato a un rischio significativamente più basso di citologia di alto grado tra le adolescenti di età compresa tra 15 e 19 anni.

“Questo supporta l’uso di qualsiasi vaccinazione contro l’Hpv nel ridurre il carico della malattia – hanno concluso gli autori – Gli sforzi dovrebbero concentrarsi non solo sulla necessità di iniziare il vaccino contro l’Hpv, ma anche su quella di iniziare e continuare lo screening del cancro cervicale tra le giovani donne che vengono vaccinate in età adulta, ad esempio oltre i 18 anni. Sono necessari ulteriori studi per esaminare gli screening tra le ragazze vaccinate più tardi

Fonte: Cancer
Will Boggs
(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

Post correlati

Lascia un commento

*