Home » Medicina » HIV: amenorrea più frequente tra le donne sieropositive

HIV: amenorrea più frequente tra le donne sieropositive

(Reuters Health) – Una nuova metanalisi conferma che le donne con HIV sono più soggette ad amenorrea rispetto a coloro che non hanno contratto il virus.

“Un basso livello di estrogeni nelle donne sieropositive, che vanno in menopausa prima delle altre, può peggiorare la salute delle ossa e aumentare il rischio cardiovascolare”, dice Melanie C. Murray, della University of British Columbia di Vancouver, principale autrice dello studio. “Negli USA, inoltre, l’80% delle donne con un’infezione da HIV sono in età fertile e più della metà vuole avere un bambino.” l tasso di trasmissione perinatale dell’HIV è inferiore all 2% o meno in Nord America e Europa, quindi esiste una possibilità concreta che si porti avanti una gravidanza senza trasmettere il virus”.

Lo studio
Murray e il suo team hanno analizzato sei studi osservazionali pubblicati tra il 1996 e il 2010, che hanno coinvolto complessivamente 6.570 donne con HIV e 2.355 controlli.
La prevalenza generale di amenorrea, definita come cessazione delle mestruazioni da minimo tre mesi, si è attestata al 4,8%.

Le donne che convivevano con l’HIV presentavano il 68% in più delle probabilità di avere amenorrea rispetto ai controlli ,anche a parità di fattori di rsichio (uso di sostanze stupefacenti, fumo) e status socio-economico.

Le donne con HIV avevano, però, un indice di massa corporea significativamente inferiore.
“Non è chiaro, però, se i tassi più elevati di amenorrea con l’HIV siano dovuti solamente all’indice di massa corporea o se siano coinvolti anche la minore presenza di CD4 e l’immunosoppressione, che contribuiscono a una diminuzione del BMI”, scrivono gli autori su AIDS.

“La salute riproduttiva è importante nella cura olistica delle donne in premenopausa con HIV e quelle che si presentano in strutture per la cura del virus dovrebbero essere sottoposte ad adeguati controlli per amenorrea e cause secondarie”, concludono i ricercatori. “Chi fornisce le cure dovrebbe essere consapevole delle questioni di salute legate all’ amenorrea e rilevare in anamnesi l’ultima mestruazione e i metodi contraccettivi usati, per una valutazione diagnostica e un trattamento precoci”.

Fonte: AIDS 2018
Anne Harding
(Versione Italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*