Home » Medicina » Gravidanza: l’ormone dello stress gioca un ruolo fondamentale

Gravidanza: l’ormone dello stress gioca un ruolo fondamentale

stressEffettuare un esame del capello prima di sottoporsi ad un percorso di fecondazione assistita potrebbe essere utile per capire quante probabilità di successo ci sono. A rivelarle infatti sarebbe la presenza eccessiva dell’ormone dello stress, il cortisolo. Questo è quanto emerge da un nuovo studio pubblicato su Psychoneuroendocrinology e condotto da ricercatori dell’Università di Nottingham, nel Regno Unito.

Lo studio
La fecondazione in vitro è una tecnica di riproduzione assistita in cui le uova vengono recuperate dalle ovaie e fecondate in laboratorio prima di essere impiantate nell’utero. Il tasso di successo medio è del 25-30% per ciclo e ad incidere sono diversi fattori come età, indice di massa corporea, storia riproduttiva e condizioni cliniche. Ma, secondo alcuni studi, anche lo stress gioca un ruolo importante.

Il dibattito nella comunità scientifica è aperto, ma il team di Nottingham ha sottolineato come studi precedenti avessero analizzato solo il livelli di cortisolo presenti in saliva, sangue e urine, che possono fornire però una visione solo a breve termine. Hanno quindi preso in esame campioni di capelli, che permettono di misurare i livelli di cortisolo cumulativi nel corso degli ultimi 3-6 mesi. Allo studio hanno partecipato 135 donne (età media di 35 anni), che si sono sottoposte a fecondazione in vitro tra dicembre 2012 e aprile 2014.

Le concentrazioni di cortisolo sono state valutate sia nella loro saliva che nei capelli. Le donne con alti livelli di cortisolo nei capelli avevano il 27% in meno di probabilità di rimanere incinta, rispetto a chi aveva livelli bassi, ovviamente escludendo altri fattori che potrebbero influenzare i risultati. La presenza dell’ormone nella saliva invece non risultava avere particolare collegamento.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento


*