Home » Medicina » Gravidanza: figli obesi se mamme accumulano chili in eccesso

Gravidanza: figli obesi se mamme accumulano chili in eccesso

gravidanza obesa(Reuters Health) –Le donne che accumulano chili in eccesso o sviluppano il diabete durante la gravidanza hanno più probabilità di avere figli obesi anche quando essi nascono con una corporatura normale. È quanto emerge da uno studio statunitense pubblicato da Maternal Child Health. Precedenti ricerche avevano legato il maggiore aumento di peso in gravidanza e picchi glicemici a una probabilità più elevata di dare alla luce un neonato sovrappeso. Questo nuovo studio offre evidenze del fatto che questi fattori possono aumentare il rischio di obesità anche in bambini normopeso.

Lo studio
I ricercatori hanno seguito più di 13.000 bambini normopeso per dieci anni. Tra i 2 e i 12 anni, circa il 49% di essi ad un certo punto è diventato sovrappeso, mentre il 29% era obeso. A 10 anni, i piccoli avevano il 29% delle possibilità in più di essere obesi quando le loro madri avevano sofferto di diabete gestazionale e il 16% di probabilità in più di esserlo quando il peso delle madri era aumentato di più di 18 chili durante i nove mesi.

“È opinione comune che tutti i nenonati normopeso abbiano lo stesso rischio di bambini e adulti di diventare obesi”, ha riferito l’autrice principale dello studio,Teresa Hillier del Kaiser Permanente Center for Health Research di Portland, Oregon and Honolulu, Hawaii. “Questo studio dimostra il contrario”, ha aggiunto.

Quando le donne in gravidanza accumulano molto peso o sviluppano diabete gestazionale, ciò può scatenare un processo che Hillier chiama “obesity imprinting”, che porta il piccolo ad adattarsi ad un ambiente uterino troppo nutrito e altera il suo metabolismo a lungo termine.

Le evidenze
Hillier e colleghi hanno riscontrato che durante la gravidanza, il 20% delle madri aveva guadagnato più di 18 chili, più degli 11-15 raccomandati per donne normopeso.

Circa il 12% delle donne aveva test di tolleranza al glucosio anormali, ma non sviluppava diabete. Un altro 5.5% delle madri partecipanti allo studio aveva diabete gestazionale, hanno riportato i ricercatori il 6 maggio sul Maternal and Child Health Journal.

“Un limite dello studio è che i ricercatori mancavano dei dati su quanto le donne fossero robuste prima di rimanere incinte”, hanno fatto notare gli autori. Ciò potrebbe influenzare i risultati poiché le madri obese hanno più probabilità di quelle normopeso di avere bambini sovrappeso o obesi.

I commenti
“Le donne sovrappeso o obese che perdono i chili in eccesso prima di diventare madri possono ridurre la probabilità di avere un figlio obeso”, ha osservato il Dr. Joachim Dudenhausen, un ricercatore della Weill Cornell Medicine di New York  e della Charite University Medicine di Berlino, non coinvolto nello studio. Anche accumulare meno chili durante la gravidanza o trattare il diabete gestazionale possono ridurre il rischio di obesità infantile.

Uno dei miti più comuni a cui le donne non devono credere è il fatto che la gravidanza è un momento in cui possono “mangiare per due”, ha aggiunto Dudenhausen.

“Non è necessario, ed è pericoloso, mangiare per due, come era stato detto a mia nonna durante la gravidanza”, ha continuato Dudenhausen.

“Una volta partorito, anche una madre che ha accumulato troppi chili in gravidanza o ha sviluppato diabete gestazionale può ancora fare qualcosa per ridurre le probabilità di obesità per il suo bambino – ha osservato Hillier -Può allattare il suo bambino. Infatti alcuni studi dimostrano che i bambini allatati al seno hanno meno probabilità di diventare obesi. In un sottocampione del nostro studio abbiamo anche scoperto che l’allattamento al seno ha ridotto l’obesità infantile”

FONTE: Maternal Child Health J 2016

Lisa Rapaport

(Versione Italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*