Home » Medicina » Fibrillazione atriale: lesioni cerebrali peggiorano funzione cognitiva

Fibrillazione atriale: lesioni cerebrali peggiorano funzione cognitiva

(Reuters Health) – Le lesioni cerebrali, acute e silenti nella risonanza magnetica, sono associate a una peggiore funzione cognitiva nei pazienti con fibrillazione atriale. È quanto emerge da uno studio multicentrico in Svizzera.

“Se li si cerca sistematicamente, si trovano molti danni cerebrali nei pazienti con fibrillazione atriale, – dice David Conen dell’Ospedale universitario di Basilea, in Svizzera, e della McMaster University, a Hamilton, in Canada, principale autore dello studio – I medici dovrebbero fare tutto il possibile per evitare che questi danni si verifichino, sia attraverso il controllo dei fattori di rischio, sia, eventualmente, con una terapia anticoagulante”.

Lo studio
Conen e colleghi hanno utilizzato i dati dello studio Swiss-Af per valutare le relazioni di lesioni vascolari cerebrali clinicamente note e non (silenti) sulla risonanza magnetica con funzione cognitiva in 1.737 pazienti con fibrillazione atriale.

Almeno un grande infarto non corticale o corticale è stato rilevato nel 22% dei partecipanti, piccoli infarti non corticali (Snci) sono stati osservati nel 21% .

Il 22% presentava microbolle e il 99% lesioni alla sostanza bianca.

Dopo l’esclusione di pazienti con una storia di ictus o Tia, il 15% dei partecipanti ha mostrato evidenza di un grande infarto corticale o non corticale silente e il 18% di piccolo infarto non corticale silente.

Il punteggio di Montreal Cognitive Assessment (MoCA) è risultato significativamente peggiore sia tra i pazienti con grande infarto corticale o non corticale silente (24,9) rispetto a quelli senza questa patologia, sia nei pazienti con piccolo infarto non corticale silentie (25,0) rispetto a quelli senza (25,9).

In un modello multivariabile combinato che includeva tutti i parametri delle lesioni cerebrali vascolari, il conteggio e il volume di grande infarto corticale o non corticale silente erano i più forti predittori del punteggio MoCA.

Nessuno dei marker di imaging della malattia dei piccoli vasi (lesioni della sostanza bianca, Snci e microbolle) è stato associato a deterioramento cognitivo in questo modello.
Non sorprende che il punteggio MoCA medio complessivo sia significativamente più basso tra i pazienti con una storia clinica di stroke (24,7) rispetto a quelli senza (25,6).
“I nostri risultati sollevano la questione dell’imaging sistematico del cervello in pazienti con fibrillazione atriale – ha sottolineato Conen – Attualmente questa pratica non è fattibile ed è associato a costi elevati. Gli studi futuri dovrebbero definire sottogruppi a rischio particolarmente elevato o identificare altri marcatori più facili da quantificare e più economici”.

Fonte: J Am Coll Cardiol 2019

Will Boggs
(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*