Home » Medicina » Epatite C: è possibile ridurre la terapia con Daa da 12 a 6 settimane

Epatite C: è possibile ridurre la terapia con Daa da 12 a 6 settimane

(Reuters Health) – Gli agenti antivirali ad azione diretta (Daa) hanno rivoluzionato il trattamento dell’epatite C, eradicando il virus Hcv e consentendo una cura con effetti collaterali minimi in oltre il 90% dei pazienti trattati. Ma i costi elevati, che in alcuni Paesi possono superare i 50.000 dollari per paziente, limitano l’accesso del paziente alla terapia e gravano sui sistemi sanitari e assicurativi.

Uno studio israeliano ha dimostrato che la terapia a risposta guidata con i Daa può essere ridotta dalle 12 settimane standard a 6. “L’implementazione di una terapia guidata dalla risposta come standard di cura può portare a significativi risparmi sui costi del trattamento dell’epatite C”, dice Amir Shlomai del Beilinson Hospital di Petah-Tikva,’autore principale del lavoro.

Lo studio
Il team ha arruolato 22 pazienti con Hcv con malattia epatica compensata e genotipi da 1 a 6, naive o trattati con interferone. Ai partecipanti è stato somministrato uno dei quattro regimi di Daa scelti dai ricercatori.

Il carico virale è stato misurato al basale, al secondo giorno e alle settimane 1, 2 e 4 dopo l’inizio del trattamento. L’endpoint primario era la percentuale di pazienti con risposta virologica sostenuta a 12 settimane (Svr12) dal trattamento, con Rna per l’Hcv non rilevabile (<15 IU / mL).

I partecipanti avevano una media di circa 50 anni, 11 erano donne e il 9% aveva punteggi Metavir di F3-4. I genotipi più comuni erano G1b (59%), G3 (27%), G1a (9%) e G2 (5%).

Le combinazioni di farmaci sofosbuvir / velpatasvir, elbasvir / grazoprevir, sofosbuvir / ledipasvir e glecaprevir / pibrentasvir sono state somministrate rispettivamente al 41%, 31%, 23% e 5% dei partecipanti.

I risultati
Il modeling matematico ha previsto che la durata del trattamento potrebbe essere ridotta a 10 settimane in un paziente (5%), otto settimane in otto (36%) e sei settimane in due (9%).

Dei 19 partecipanti che hanno completato la terapia, il 100% ha avuto una carica virale non rilevabile alla fine del trattamento. Di questi, 18 (95%) hanno registrato Hcv non rilevabile quattro settimane dopo il trattamento.

Dei 15 pazienti che hanno raggiunto la settimana 12 di trattamento, 14 (93%) hanno raggiunto Svr12.

Un paziente G3 naive al trattamento con fibrosi F1 che è stato trattato con sofosbuvir /velpatasvir per sei settimane ha avuto una recidiva. Il sequenziamento del virus non ha rilevato sostituzioni associate alla resistenza al basale o in risposta al trattamento e non sono stati riscontrati effetti collaterali significativi tra i pazienti trattati con Daa.

I commenti
“Una terapia più breve può portare a una migliore compliance al trattamento, specialmente in popolazioni speciali, inclusi i pazienti con epatite C con limitate assicurazioni sanitarie”, dice Harel Dahari della Loyola University di Chicago a Maywood, che ha preso parte allo studio. Dahari ha stimato che il trattamento più breve potrebbe potenzialmente ridurre il costo dei farmaci Hcv fino al 20%.

Ora che lo studio pilota ha dimostrato che la terapia guidata dalla risposta può potenzialmente ridurre i tempi di trattamento, in Israele è in corso un ampio trial multicentrico per convalidare i risultati.

Fonte: AASLD The Liver Meeting 2018
Lorraine L. Janeczko
(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*