Home » Medicina » Disturbi gastrointestinali nei bambini: erbe poco utili

Disturbi gastrointestinali nei bambini: erbe poco utili

(Reuters Health) – Curare i disturbi gastrointestinali dei bambini con le erbe? Meglio di no. A questa conclusione è giunta una metanalisi condotta da ricercatori tedeschi dell’Università di Duisburg- Essen. Dennis Anheyer e colleghi  hanno esaminato i dati di 14 studi precedentemente pubblicati, per un totale di 1.927 bambini affetti da problemi gastrointestinali acuti quali diarrea, disidratazione,  colica, stitichezza, dolore addominale e sindrome dell’intestino irritabile. I dati raccolti non hanno prodotto evidenze sufficienti a favore dei rimedi a base di erbe. Anzi, alcuni di questi 14 studi suggeriscono che alcuni farmaci a base di erbe possono facilitare la diarrea, il dolore addominale e la colica. In ogni caso,non sono evidenziati gravi effetti collaterali associati ai rimedi erboristici.

I commenti
“La mancanza di una ricerca concreta è purtroppo un problema generale nella pediatria, ma un problema particolare nella medicina basata sui prodotti vegetali è che per molti rimedi a base di erbe non sono disponibili prodotti autorizzati e standardizzati”, ha sototlineato Dennis Anheyer. “In altre parole, anche se uno studio dimostra che un’erba può essere sicura ed efficace per un problema specifico, ciò non significa necessariamente che ogni singola versione di quella erba reperibile in commercio possa funzionare bene e senza effetti collaterali”. Anheyer ha precisato che nonostante sia possibile utilizzare i rimedi vegetali in aggiunta ai farmaci tradizionali o per contribuire a ridurre la dipendenza dalla terapia farmacologica, i genitori dovrebbero consultare un medico prima di provare autonomamente le terapie a base di erbe.

Fonte: Pediatrics 2017

Lisa Rapaport

 (Versione italiana Quotidiano Sanità/ Popular Science/ Nutri e Previeni)

 

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*