Home » Medicina » Degenerazione cerebrale: diabete e obesità la influenzano

Degenerazione cerebrale: diabete e obesità la influenzano

Obesità e diabete influenzano il declino mentale e anzi lo causano. Un gruppo di ricercatori dell’Università Cattolica – Fondazione Policlinico A. Gemelli di Roma, ha però scoperto come bloccare questo meccanismo.

Lo studio, pubblicato su Nature Communications, ha messo in evidenza che il diabete altera il funzionamento del recettore per il glutammato “GluA1” che serve ai neuroni per comunicare tra loro. Il recettore subisce una specifica modifica detta “palmitoilazione”, ovvero l’aggiunta di un grasso, l’acido palmitico, (che si accumula nel cervello in caso di dieta sbagliata); questa modifica lo mette KO.

Però gli scienziati, guidati da Claudio Grassi, hanno dimostrato che eliminando l’acido palmitico con un farmaco sperimentale (una sostanza che, somministrata tramite spray nasale, blocca la palmitoilazione) i deficit cognitivi causati da obesità e diabete si possono cancellare.

“Il nostro studio – spiega Grassi – indaga e svela un meccanismo molecolare responsabile del declino cognitivo che si associa alle malattie metaboliche, quali diabete di tipo 2 e obesità, caratterizzate da un quadro di resistenza all’insulina”.

“Riteniamo che i risultati delle nostre ricerche abbiano una grande rilevanza clinica, in quanto mettono in luce un meccanismo responsabile degli effetti negativi esercitati da una alimentazione squilibrata sulle funzioni cerebrali e, più in generale, consentono di comprendere meglio il rapporto tra nutrizione e funzioni cognitive – spiega Grassi – I nostri dati evidenziano, inoltre, la stretta relazione tra malattie metaboliche e malattie neurodegenerative”.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*