Home » Medicina » Da obesità a depressione: ecco 9 fattori rischio Alzheimer

Da obesità a depressione: ecco 9 fattori rischio Alzheimer

Medico e pazienteObesità, depressione, pressione alta o bassa, diabete di tipo 2 (negli asiatici), fragilità, abitudine al fumo, basso livello d’istruzione. Ma anche arterie carotidi ristrette o alti livelli di omocisteina, un amminoacido. Questi i nove fattori di rischio principali a cui possono essere attribuiti due terzi dei casi di Alzheimer, secondo una ricerca della University of California di San Francisco pubblicata sulla rivista Journal of Neurology Neurosurgery & Psychiatry. Gli studiosi sono arrivati a questa conclusione esaminando quanto emerso in particolare da 323 studi precedenti, riducendo i 93 possibili fattori di rischio emersi a nove principali. In particolare, la ricerca evidenzia che alcune condizioni sono associate a un aumento del rischio soprattutto a seconda del momento della vita in cui si manifestano e all’etnia presa in esame. Il fumo, fattore generale di rischio, ha dimostrato ad esempio  di avere  un effetto protettivo nelle popolazioni occidentali, così come lo stress o un consumo di alcol-lieve moderato e un indice di massa corporea alto più avanti nella vita, nonostante l’obesità sia classificata in linea di massima come un rischio. Gli estrogeni, le statine, gli antinfiammatori e il caffè contribuiscono invece, in generale, a ridurre i fattori di rischio, e anche l’acido folico e la vitamina C ed E.

 

 

 

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento


*