COVID-19: il gruppo sanguigno non è un fattore di rischio

(Reuters) – Il gruppo sanguigno non influisce sulla suscettibilità al COVID-19. E’ quanto emerge da uno studio condotto in USA che ha preso in esame i dati relativi a quasi 108.000 persone di Utah, Idaho e Nevada sottoposte a test per COVID-19. Nessuno dei gruppi sanguigni si correlava al rischio di contrarre l’infezione e alla necessità di ricovero o di trasferimento in terapia intensiva.

Studi più piccoli – condotti in Cina, Italia e Spagna – hanno correlato il sangue di gruppo A a maggiori rischi di contrarre il COVID-19 e quello di gruppo O a rischi inferiori. Altri studi condotti a New York e Boston non hanno invece rilevato correlazioni.

“Abbiamo esaminato molti fattori di rischio quanto ai soggetti che potrebbero richiedere l’ospedalizzazione e quelli che potrebbero necessitare di cure più avanzate e, almeno per la nostra popolazione, il gruppo sanguigno non fa parte dell’elenco”, ha dichiarato Jeffrey Anderson dell’Intermountain Healthcare Heart Institute di Salt Lake City, principale autore dello studio

Fonte: JAMA Network Open
Staff Reuters
(Versione Italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

Post correlati

Lascia un commento

*