Home » Medicina » Come funziona l’attività selettiva del cervello?

Come funziona l’attività selettiva del cervello?

cervelloCome fa il cervello ad acquisire e selezionare in modo così accurato e veloce le informazioni? Come separa le informazioni importanti da quelle non rilevanti? Con un processo automatico? Da sempre l’uomo ha cercato di rispondere a queste domande e forse questa volta ci siamo vicini. L’attenzione selettiva del cervello e la selezione delle priorità dipende dalla concentrazione. A dimostrarlo è uno studio del Centro Mente e Cervello (CiMeC) dell’Università di Trento, pubblicato sul Journal of Neuroscience.

Lo studio
I ricercatori, Daniel Sebastian Kaiser, Nikolaas Oosterhof e Marius Peelen, hanno chiesto ai partecipanti allo studio di osservare centinaia di fotografie che ritraevano scene di vita reale e di individuare in ognuna di esse persone o automobili tra dozzine di altri oggetti. Lo studio ha rivelato che ciò che i volontari stavano attivamente cercando (automobili, ad esempio) si rifletteva nei segnali cerebrali in modo estremamente rapido, nell’arco di 200ms, come se l’oggetto fosse stato visto e riconosciuto nel suo insieme, staccato dal contesto.

Sorprendentemente, all’opposto, quando i volontari hanno rivisto la stessa scena più tardi, ma stavano ora cercando qualcos’altro (persone, ad esempio) la risposta neurale veloce alla presenza di auto (ora considerate irrilevanti) non c’era più. Come se le auto non fossero state effettivamente presenti nell’immagine.

Questi risultati dimostrano che il cervello attribuisce in modo dinamico delle priorità alle informazioni che in quel momento sono rilevanti e che questo processo avviene in modo estremamente rapido. Durante l’esercizio, l’attività cerebrale dei partecipanti è stata monitorata attraverso la magnetoencefalografia (Meg), una tecnica di imaging biomedico funzionale, che si basa sulla misurazione dei campi magnetici prodotti dall’attività elettromagnetica dell’encefalo. Grazie a questa tecnica si sono potute osservare in ogni millisecondo le fluttuazioni magnetiche causate dalle variazioni dell’attività cerebrale.

 

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento


*