Home » Medicina » Colpiti e affondati 6 italiani su 10. Con la primavera è stanchezza cronica

Colpiti e affondati 6 italiani su 10. Con la primavera è stanchezza cronica

Irritabilità alle stelle, stress da record e difficoltà ad alzarsi dal letto come se facessimo tutte le sere le ore piccole. Oltre a fiori, profumi e belle giornate, sono questi i doni della primavera, tanto che 6 italiani su 10 soffrono di una vera e propria “crisi da risveglio”.

A definirla così è uno studio online promosso da In a Bottle su 2.300 italiani, con un pool di 30 esperti tra psicologi, nutrizionisti e dietologi. Secondo l’indagine, con l’arrivo della bella stagione tra le sensazioni più diffuse c’è la stanchezza cronica (62%), aumentano i livelli di irritabilità (52%) e i continui sbalzi di umore (33%), insieme a una ipersensibilità agli stimoli esterni (19%), mentre diminuisce la capacità di concentrazione (23%).

Per evitare tutto questo, gli esperti consigliano di non lasciarsi prendere dall’indolenza (41%), di evitare tutto ciò che affatica l’organismo (37%), di non concentrare tutte le calorie in un unico pasto (55%), e di non eccedere con lo sport (24%), ma nemmeno di farne troppo poco (26%).

L’alimentazione, per il 70% degli specialisti, “è uno degli elementi fondamentali per combattere i malesseri legati al cambio di stagione: in primavera vanno privilegiati cibi ricchi di proteine, come carne e pesce, oltre naturalmente a frutta e verdure, rigorosamente di stagione. Inoltre, è importante bere molta acqua, almeno due litri al giorno, per aiutare l’organismo a disintossicarsi”.

La primavera, conferma Luca Piretta, specialista in Gastroenterologia all’Università Campus Biomedico di Roma, “condiziona alcuni orologi biologici del nostro organismo: gli alimenti più consigliati per il ‘risveglio’ sono pasta, legumi, cioccolato, noci e mandorle, oltre alla frutta e verdura di stagione come broccoli, carciofi, e fragole. Per quanto riguarda l’idratazione vale la raccomandazione di bere indipendentemente dallo stimolo della sete”.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*