Home » Medicina » Colera: vaccino orale sicuro nelle donne incinte

Colera: vaccino orale sicuro nelle donne incinte

(Reuters Health)- Secondo un piccolo studio osservazionale condotto in Malawi il vaccino inattivo orale contro il colera sembra essere sicuro nelle donne in gravidanza. Anche se l’Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda la vaccinazione delle donne incinte nelle zone endemiche  la maggior parte delle campagne di vaccinazione le esclude a causa delle insufficienti garanzie di sicurezza per l’uso durante la gravidanza.

Lo studio
Mohammad Ali e colleghi, della Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health di Baltimora, hanno valutato i risultati sulla gravidanza coinvolgendo 361 donne, che hanno ricevuto per via orale il vaccino inattivo contro il colera Shanchol, e 327 donne che hanno vissuto in una comunità adiacente e che non sono state vaccinate per le insufficienti forniture del farmaco. Circa un quarto delle donne (il 27%) sono state esposte nel loro primo trimestre, il 40% nel secondo e il 33% nel corso del loro terzo trimestre. Il tasso globale di interruzione di gravidanza non è differito in modo significativo tra le donne vaccinate (27,54 ogni 1.000 gravidanze) e le non vaccinate (21,56 per 1000 gravidanze), e il rischio di interruzione dopo l’esposizione al vaccino non è cambiata in modo significativo dopo il controllo per altri fattori (p = 0,52). I tassi di mortalità neonatale non sono cambiati tra le madri esposte e non esposte al vaccino, e il tasso di aborto spontaneo e di bambini nati morti sono risultati simili nei due gruppi. Due neonati nel gruppo di esposizione al vaccino e uno nel gruppo di non-esposizione hanno avuto malformazioni (p= 0,57).

I commenti
“Sulla base delle attuali conoscenze del vaccino e le prove dei nostri studi clinici, le donne in gravidanza non dovrebbero essere escluse dalla vaccinazione orale contro il colera durante le campagne vaccinali – concludono i ricercatori – L’alto rischio che ci sarebbe se dovessero sviluppare la malattia può essere abbassato con la somministrazione del vaccino, senza che la donna o il feto corrano un pericolo clinicamente significativo”.
Pedro L. Moro dal Centers for Disease Control and Prevention di Atlanta, in Georgia, coautore di un editoriale di accompagnamento, ha definito le scoperte dei ricercatori “rassicuranti”. “I loro risultati sono coerenti con uno studio precedente che ha usato lo stesso vaccino in donne incinte in Guinea e non ha trovato un aumento del rischio di perdita fetale tra le donne immunizzate”, ha spiegato l’esperto. “Il vaccino contro il colera può essere utilizzato in modo sicuro durante la gravidanza e non deve essere sospeso durante la gravidanza in caso di focolaio o dove la prevalenza del colera è alta – aggiunge Moro – Gli studi futuri dovrebbero includere più donne incinte, specialmente quelle nel primo trimestre di gravidanza, per valutare più compiutamente l’interruzione precoce di gravidanza, così come altri esiti come il parto prematuro o i difetti di nascita”.

Reuters Staff

Fonte: Lancet Infect Dis 2017

(Versiona italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*