Home » Medicina » Cnr: arriva l’algoritmo intelligente per diagnosticare anoressia e bulimia

Cnr: arriva l’algoritmo intelligente per diagnosticare anoressia e bulimia

ANORESSIACapire se una persona soffre di disturbi dell’alimentazione, come anoressia e bulimia, grazie ad un algoritmo intelligente creato partendo dalle immagini della sua risonanza magnetica ora si può. A mettere a punto l’algoritmo è stato l’Istituto di bioimmagini e fisiologia molecolare del Consiglio nazionale delle ricerche di Catanzaro e Milano (Ibfm-Cnr) in collaborazione con l’Associazione ‘Ippocampo’ di Cosenza, e lo studio è stato pubblicato su Behavioural Neurology.

L’algoritmo
Gli ultimi studi in ambito di neuroimaging, spiega il Cnr, hanno sottolineato che i disturbi comportamentali dell’alimentazione (Dca) non sono soltanto disturbi psicologici ma sono caratterizzati anche da piccoli danni neuronali a livello cerebrale osservabili dalle risonanze magnetiche dei pazienti. Da qui il progetto un algoritmo intelligente in grado di distinguere tra individui sani e malati partendo dalle immagini anatomiche dei loro cervelli. Accoppiando al più classico neuroimaging anche le potenzialità dell’intelligenza artificiale, il gruppo di ricerca è riuscito a implementare una metodologia in grado di stabilire precocemente se il soggetto è affetto da disturbi dell’alimentazione. In pratica, chiarisce Isabella Castiglioni, fisico dell’Ibfm-Cnr di Milano, ”abbiamo sviluppato un nuovo sistema di diagnosi automatizzata utilizzando un algoritmo di classificazione che riesce a riconoscere, in modo automatico, se il cervello di un individuo appartiene a un soggetto malato o sano, sfruttando i dati di morfologia cerebrale ricavati da una risonanza magnetica del paziente”.

I risultati dello studio
Per verificare i risultati di questo strumento sono state selezionate 17 donne tra i 18 e i 40 anni, affette da una forma moderata di Dca e una controparte di altrettante donne sane. Lo studio, afferma Antonio Cerasa dell’Ibfm-Cnr di Catanzaro, ”ha mostrato come nell’80% dei casi l’algoritmo distingue correttamente i soggetti malati da quelli sani. Siamo ancora in u a fase sperimentale e per poter applicare questa metodologi in ambito clinico e’ necessario testarla su un campione piu’ vasto. D’altra parte, il sistema ha le potenzialità per essere in grado di riconoscere un paziente anoressico da un bulimico, anche nelle fasi precoci della malattia”.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento


*