Cinetosi digitale: quel ‘mal di mare’ causato dai device 

Se scrollando sullo smartphone o computer, utilizzando più  schermate o partecipando a una riunione virtuale in cui qualcun altro sta controllando lo schermo, hai provato nausea o disorientamento c’è  un termine per questo: Cybersickness o cinetosi digitale.

I sintomi sono simili a quelli del mal d’auto o di mare e colpiscono una fetta importante di persone. Per fare un passo avanti verso la prevenzione di questo disturbo gli studiosi dell’Università del Maryland,  per  un  articolo pubblicato  sulla  rivista  Virtual Reality,   hanno registrato l’attività  cerebrale di alcuni utenti di realtà  virtuale utilizzando un esame, l’elettroencefalografia, per comprendere meglio cosa accada nel cervello. I partecipanti allo studio hanno sperimentato un volo virtuale di un minuto in uno spazioporto futuristico. La simulazione includeva cadute rapide e virate rotanti progettate per evocare un moderato grado di cinetosi digitale.colpro che hanno preso parte alla ricerca  hanno anche segnalato il loro livello di disagio in tempo reale con un joystick.

Ciò  ha aiutato i ricercatori a identificare quali segmenti del test intensificassero i sintomi. Gli studiosi sono stati in grado di stabilire una correlazione tra l’attività cerebrale registrata e i sintomi auto-riferiti dai partecipanti. Il lavoro fornisce a loro parere un nuovo punto di riferimento, aiutando gli psicologi cognitivi, gli sviluppatori di giochi e i medici che cercano di saperne di più sulla cinetosi digitale e su come alleviarla.

Post correlati

Lascia un commento

*