Home » Medicina » Cancro allo stomaco: uso prolungato di PPI aumenta il rischio

Cancro allo stomaco: uso prolungato di PPI aumenta il rischio

(Reuters Health) – Secondo uno studio di popolazione pubblicato da Gut, gli inibitori della pompa protonica (PPI) sono associati a un aumento del rischio di tumore allo stomaco, anche in pazienti nei quali è stata eradicata un’infezione da Helicobacter pylori (HP). “Il trattamento dell’infezione da HP riduce il rischio di tumore allo stomaco fino al 47%, ma alcune persone sviluppano la malattia dopo l’eradicazione del batterio” osservano Leung e colleghi, del Queen Mary Hospital di Hong Kong, autori dello studio pubblicato online il 31 ottobre da Gut. I PPI sopprimono la secrezione di acido, che in alcuni pazienti può peggiorare la gastrite atrofica, e causano anche la secrezione del fattore di crescita gastrina. “La metanalisi ha riscontrato un rischio aumentato del 43% di tumore gastrico in chi assume PPI”, aggiunge il team, “ma non ha esaminato separatamente i pazienti infettati da HP e quelli negativi al batterio”.

Lo studio
I ricercatori hanno analizzato le cartelle cliniche di 63.397 pazienti a cui era stata prescritta una triplice terapia a base di claritromicina dal 2003 al 2012. Durante un follow-up mediano di 7,6 anni, 153 (0,24%) hanno sviluppato un tumore allo stomaco. 3.271 pazienti assumevano PPI e 21.729 erano trattati con recettori dell’istamina-2 (H2RA). I pazienti in cura con PPI hanno mostrato una probabilità significativamente maggiore di sviluppare un tumore gastrico (hazard ratio, 2,44) rispetto a quelli che non assumevano questi farmaci, mentre chi assumeva H2RA non mostrava un aumento del rischio associato. Il rischio di tumore aumentava proporzionalmente alla durata di assunzione di PPI (HR, 5,04 per un anno o più, 6,65 per due anni o più e 8,34 per tre anni o più).  Le linee guida raccomandano l’eradicazione dell’infezione da HP prima che un paziente inizi ad assumere PPI per lungo tempo, osservano i ricercatori, ma non ci sono dati per suggerire che ciò aiuterà a prevenire il tumore gastrico. “Nonostante una riuscita eradicazione dell’H. pylori, che ridurrebbe significativamente il rischio di tumore gastrico, per le persone che continuano ad assumere PPI, il rischio di sviluppare questo tumore sale di 2,4 volte”, dice Leung. “Questo aumento del rischio non è stato riscontrato nei soggetti che assumevano antagonisti del recettore H2, un agente acido-soppressore meno forte. Il rischio aumenta anche con la durata del trattamento con PPI”. I pazienti che assumevano PPI e a cui l’HP non era stato eradicato presentavano un minor rischio di tumore allo stomaco rispetto ai soggetti a cui era stato eradicato. “Questo gruppo era formato soprattutto da soggetti negativi al batterio, suggerendo che l’aumento del rischio in chi assume PPI è ampiamente correlato all’infiammazione gastrica legata all’HP, che persisterebbe nonostante la riuscita eradicazione del batterio”, spiega Leung.

Fonte: Gut 2017

Anne Harding

(Versione Italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

 

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*