Home » Medicina » Bloccare una proteina per fermare i tumori. Buoni risultati da studi su topi

Bloccare una proteina per fermare i tumori. Buoni risultati da studi su topi

E’ come se fosse un carburante speciale che fa andare più veloce la macchina che lo utilizza; è la proteina Nuak2 ed è un acceleratore molecolare dei tumori in grado di renderli più aggressivi. A individuarlo e a provare a neutralizzarlo per bloccare la proliferazione del cancro è stato uno studio condotto su topi in Canada dal gruppo di ricerca coordinato da Liliana Attisano all’Università di Toronto. I risultati, pubblicati su Nature Communications, potrebbero aprire la strada a nuove terapie anticancro personalizzate.

L’obiettivo è sviluppare molecole capaci di inibire Nuak2, per interrompere il circolo vizioso che induce nella cellula tumorale. La proteina, infatti, favorisce l’ingresso nel nucleo delle proteine sabotatrici Yap e Taz, che si legano al Dna accendendo in maniera anomala i geni che controllano il ciclo cellulare.

Tra questi c’è lo stesso gene di Nuak2 che, reso iperattivo, produce maggiori quantità di proteina facendo entrare ancora più molecole sabotatrici nel nucleo. Interrompere tutto questo è possibile: i ricercatori lo hanno fatto, disattivando Nuak2 attraverso l’uso di farmaci o manipolazione genetica. In questo modo sono riusciti a ridurre il volume del tumore della mammella nei topi, oltre che a rallentarne la proliferazione in vitro.

La strada per arrivare all’uomo, però, è ancora lunga, come spiega Attanasio. “Serviranno almeno dieci anni per poter sviluppare un farmaco: per prima cosa bisognerebbe testarlo sugli animali per verificare se funziona, ma ancora non ci siamo arrivati”. La ricerca è agli inizi, ma la rotta da seguire è chiara.

“Nuak2 potrebbe essere usato come marcatore, nell’ambito della medicina personalizzata, per identificare i pazienti con tumori aggressivi che possono beneficiare del trattamento con gli inibitori. Al momento sappiamo che Nuak2 gioca un ruolo importante nel tumore della vescica – conclude la ricercatrice – ma non possiamo escludere che sia coinvolta anche in altri tipi di tumore”.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*