Home » Medicina » Anche i polmoni possono sentire gli odori

Anche i polmoni possono sentire gli odori

polmoni“Anche i polmoni sentono”, si potrebbe dire parafrasando il titolo di un famoso film. Eppure è proprio così, non è solo il naso a sentire gli odori, anche i polmoni sono in grado di farlo. La scoperta si deve ad un gruppo di ricercatori dell’Università della Ruhr a Bochum, in Germania.

La scoperta
Si è sempre pensato che gli odori vengono sentiti solo con il naso perché i recettori olfattivi, ovvero gli elementi che nell’organismo umano si preoccupano di percepire gli odori, si trovano solo nella cavità nasale. Tuttavia i ricercatori dell’ateneo tedesco sono riusciti a trovare due recettori olfattivi anche nel tessuto polmonare umano. Queste ‘serrature molecolari’ regolano il movimento delle cellule della muscolatura delle vie respiratorie, facendola contrarre e poi rilassare ritmicamente durante la respirazione. La scoperta, secondo gli studiosi, potrebbe aprire nuove strade per il trattamento dei disturbi respiratori cronici – come l’asma, l’enfisema e la bronchite – che restringono e ostruiscono le vie respiratorie.

Studiando il comportamento dei due recettori scoperti, i ricercatori hanno osservato che questi reagiscono in presenza degli odori allo stesso modo dei recettori presenti nelle cellule del naso, ovvero attivando la contrazione dei tessuti. Ma l’obiettivo dei ricercatori era quello di capire come il processo della contrazione muscolare può essere influenzato da alcuni farmaci e hanno quindi sottoposto i due recettori ad un
esperimento. Entrambi sono stati attivati, ma solo uno è stato trattato con una sostanza dalle proprietà rilassanti, chiamata Amil butirrato.

Il recettore così trattato è rimasto inerte senza contribuire insieme all’altro alla contrazione dei tessuti. Questo risultato ha portato i ricercatori a concludere che, lo stesso metodo utilizzato nell’esperimento può essere applicato su pazienti che soffrono di malattie delle vie respiratorie comuni – prevenendo le vie respiratorie dal chiudersi quando sono infiammate – per sostenere interventi terapeutici.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento


*