Home » Medicina » Alcolismo: possibile cura dalle cellule staminali

Alcolismo: possibile cura dalle cellule staminali

Curare i disturbi legati all’abuso di alcol con un’infusione di cellule staminali umane. A suggerirlo è uno studio dell’Università del Cile a Santiago condotto sui topi e pubblicato su Scientific Reports.

Lo studio
I ricercatori guidati da Yedy Israel hanno scoperto che il trattamento ha significativamente ridotto i comportamenti associati all’alcolismo e anche l’infiammazione cronica che ne deriva.

In un primo esperimento gli autori dello studio hanno iniettato cellule staminali umane in ratti che avevano assunto alcol per 17 settimane senza forzature (gli animali sono stati lasciati liberi di scegliere tra alcol e acqua). Entro 24 ore dall’iniezione i ratti bevevano dall’88% al 93% meno alcol, ma molta più acqua degli animali di controllo. Gli effetti erano ancora osservabili dopo tre settimane, suggerendo che il trattamento avesse avuto un effetto terapeutico.

In un altro esperimento i ricercatori hanno fatto una singola iniezione di cellule staminali a ratti che avevano bevuto alcol per 14 settimane, prima di indurre un effetto di deprivazione impedendogli di bere per 14 giorni. Al termine di questo periodo è stato dato agli animali libero accesso all’alcol per 60 minuti: l’ingestione di grandi quantità di alcol in breve tempo, un comportamento che si osserva normalmente anche negli esseri umani dopo un periodo di astinenza, si era ridotto del 75-80%.

Per poter usare la tecnica poco invasiva dell’iniezione intravenosa, i ricercatori hanno coltivato le cellule staminali in un ambiente 3D, che le ha rese il 75% più piccole di quelle coltivate in un ambiente 2D come una piastra. In questo modo le cellule staminali riescono ad attraversare la barriera emato-encefalica che circonda il cervello, evitando di dover ricorrere all’iniezione direttamente nel fluido cerebrospinale, una procedura molto più invasiva.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*