210 – Sibella (Boston Scientific): “Sempre più necessaria la partnership tra Aziende e sanità pubblica/privata”

3D-Optimized
TAVI

Federica Sibella
Federica Sibella

Creare modelli 3D di protesi aortica transcatetere da utilizzare per prevedere l’esito di un intervento TAVI. A realizzare il progetto “3D-Optimized TAVI” è Boston Scientific e noi abbiamo approfondito l’argomento con Federica Sibella, Account Manager New Cardio

Come è nata l’idea di realizzare questo progetto?
L’idea del progetto è nata da un’esigenza di campo. La stenosi aortica ha un impatto rilevante nella popolazione generale sopra i 70 anni, con una prognosi infausta. L’impianto percutaneo di bioprotesi aortica transcatetere (TAVI) dal 2005 si è attestata come alternativa all’intervento cardiochirurgico e ha dimostrato di prolungare l’aspettativa di vita con procedura più rapida, mininvasiva e tempi più brevi di ricovero e recupero, tanto da meritarsi l’appellativo “TAVI è VITA”. Un intervento efficace e privo di complicanze, permette di prolungare la vita del paziente, ridurre l’impatto economico sul Servizio Sanitario Nazionale e favorire una appropriata accessibilità ad un intervento salva vita. I medici sono sempre più alla ricerca di partner in grado di fornire quanti più strumenti possibili per essere supportati nella preparazione ed esecuzione al meglio delle procedure TAVI. L’esigenza è quella di ottenere il miglior risultato possibile e ridurre al minimo le complicanze. L’obiettivo è di prevedere l’esito dell’intervento in base all’anatomia del singolo paziente, valutato con una TC, e di personalizzare la protesi che verrà impiantata.

A chi si rivolge il vostro progetto?
Il progetto è rivolto a tutti i cardiologi interventisti e specialisti nell’impianto del dispositivo TAVI.

Potrebbe descriverlo brevemente?
La tecnologia odierna permette di valutare solo la fattibilità dell’impianto della protesi. L’idea del progetto è stata di creare modelli 3D della protesi aortica transcatetere Acurate Neo2™ utilizzando un software per la modellazione 3D, animazione e rendering. Caricando il modello 3D nel software di lettura TC è possibile simulare, in una vista 3D, come posizionare al meglio il dispositivo e come ruotarlo nell’anatomia specifica di ogni paziente, ottimizzando così i risultati. Lo studio a priori permetterebbe quindi di limitare la quantità di contrasto utilizzata, il mismatch protesi-paziente che porterebbe ad una degenerazione precoce della protesi stessa, ridurre le tempistiche della procedura e le possibili complicanze che potrebbero insorgere durante e dopo l’impianto come l’ostruzione delle arterie coronarie, una grave complicanza TAVI, malposizionamento, disturbi di conduzione e altre complicanze.

Che risultati avete o volete raggiungere?
Il progetto è attualmente in una fase iniziale: si possono verificare i dati ottenuti dall’analisi TC con quelli effettivamente riscontrati durante la procedura. L’obiettivo è quello di raccogliere i dati ottenuti post impianto dopo l’introduzione della simulazione 3D e ottenere dati statistici significativi relativi ai benefici ottenuti per i pazienti.

Cosa pensa ci sia ancora da fare in questo ambito?
Con il passare degli anni e l’affinamento della tecnica, la TAVI è stata resa disponibile per pazienti a rischio sempre più basso, aumentando così il numero di pazienti sottoposti a questo trattamento. La pianificazione pre-procedurale con strumenti digitali diventa così di cruciale importanza.

Qual è l’aspetto principale del Patient Support Program che sarà più importante secondo lei nei prossimi anni?
Con l’invecchiamento della popolazione, in futuro sarà sempre più necessaria la partnership tra Aziende e sanità pubblica/privata. Saranno sempre più fondamentali dei PSP che possano portare a vantaggi non solo per i pazienti, ma anche al sistema che, attraverso risultati migliori, avrà una riduzione dei costi e la possibilità di ottimizzare tempi e risorse.



SICS Srl | Partita IVA: 07639150965

Sede legale: Via Giacomo Peroni, 400 - 00131 Roma
Sede operativa: Via della Stelletta, 23 - 00186 Roma

Popular Science Italia © 2022