020 – Matta- Bonetti (SPA): “L’importante è partire dal paziente e dalle sue esigenze, tenendo sempre presente l’obiettivo della massima inclusività”

Alta
Leggibilità,
Alta
Accessibilità

Alisee Matta,
Daniela Bonetti
Alisee Matta,
Daniela Bonetti

Un progetto di restyling del packaging pensato per il paziente e per rendere più fruibili alle persone le informazioni sul farmaco da assumere. È “ALTA LEGGIBILITÀ, ALTA ACCESSIBILITÀ” realizzato da SPA – Società Prodotti Antibiotici S.p.A. e noi ne abbiamo parlato con Alisee Matta, Presidente di SPA – Società Prodotti Antibiotici S.p.A. e Daniela Bonetti, Owner dell’agenzia di comunicazione Akuna Matata. Parte del team di progetto anche Loretta Casieri, Project Manager; Maura Colombo, Regulatory Affairs Manager; Maria Rosa Galmozzi, Scientific Affairs Manager; Adriana Melgrati, Board of Directors Member; Andrea Carlesso, National Field Commercial Manager; Federico Coletti, Supply Chain & Purchasing Consultant; Mauro Giarola, Business Unit Director; Stefano Lombardi, Amministratore Delegato; Marco Paravelli, Cardiovascular Marketing Manager, Claudio Rimaroli, Quality Assurance Manager e Miriam Eise, Art Director di Akuna Matata

Come è nata l’idea di realizzare questo progetto?
Tutto è partito durante il restyling dei packaging SPA quando, in sede di definizione delle nuove linee guida, abbiamo approfondito la riflessione su come le confezioni rivestano un ruolo fondamentale per rendere immediatamente riconoscibile il prodotto. Ancor prima dell’aspetto estetico, il pack del farmaco deve comunicare e comunicarsi in modo chiaro, diretto e universale, rendendo fruibili a chiunque le informazioni essenziali. L’ultima grande rivoluzione di questo tipo era stata l’inserimento del Braille sulle confezioni nel 1997. Grazie al supporto dell’agenzia di comunicazione Akuna Matata che da tempo sta seguendo il restyling di comunicazione aziendale sotto la direzione creativa di Daniela Bonetti, dopo un’approfondita ricerca delle soluzioni grafiche più innovative, abbiamo individuato il carattere tipografico BIANCOENERO® di Biancoenero Edizioni, acquistandone i diritti esclusivi per l’utilizzo a fini commerciali. Progettato per rendere i contenuti fruibili in modo ottimale grazie al nuovo design delle singole lettere, questo carattere tipografico risulta leggibile a chiunque in modo trasversale e senza differenze, rispondendo in modo concreto e puntuale all’esigenza di un approccio più inclusivo nella progettazione del packaging dei farmaci. Nasce così il progetto “ALTA LEGGIBILITÀ, ALTA ACCESSIBILITÀ”.

A chi si rivolge il vostro progetto?
Il progetto risponde alle esigenze di un target molto ampio, dai pazienti ai professionisti del settore farmaceutico (medici, farmacisti e infermieri). L’alta leggibilità del carattere BIANCOENERO® si rivolge soprattutto a chi ha difficoltà di lettura dovute a dislessia o presbiopia (condizione molto diffusa nei pazienti dell’età più avanzata), ma più in generale anche verso chi deve gestire un piano terapeutico quotidiano che prevede molti farmaci ed è quindi potenzialmente complesso in termini di posologia, a causa di orari, alternanze e dosaggi diversi.

Potreste descriverlo brevemente?
Il nuovo packaging di SPA all’insegna dell’”ALTA LEGGIBILITÀ, ALTA ACCESSIBILITÀ” prevede l’utilizzo del carattere BIANCOENERO® integrato all’interno di un restyling grafico completo, con nuovi codici cromatici.

Che risultati avete o volete raggiungere?
L’obiettivo principale è raggiungere la migliore fruibilità dei contenuti informativi relativi ai farmaci, per una maggiore sicurezza e facilità nella gestione della terapia dal punto di vista del paziente e degli operatori sanitari coinvolti. Questo progetto rappresenta un nuovo e ulteriore passo nell’evoluzione del rapporto tra farmaco e paziente all’insegna del “prendersi cura”: uno dei valori fondanti di SPA.

Cosa pensate ci sia ancora da fare in questo ambito?
L’accessibilità è un ambito in costante evoluzione, con cambiamenti continui e richieste sempre nuove, che siamo chiamati ad accogliere fornendo risposte adeguate e puntuali. L’importante è partire dal paziente e dalle sue esigenze, tenendo sempre presente l’obiettivo della massima inclusività! Si tratta di una strada lunga e piena di sfide, ma ciò che conta è andare avanti.

Qual è l’aspetto principale del Corporate Social Responsibility che sarà più importante secondo voi nei prossimi anni?
Oggi la responsabilità sociale d’impresa deve mettere al centro la persona, allo scopo di migliorarne la vita attraverso prevenzione, accessibilità e sostenibilità. Le persone sono l’anima dell’azienda, perciò vanno sempre valorizzate e ascoltate. È questo che crediamo e che orienta il nostro operato quotidiano in SPA.



SICS Srl | Partita IVA: 07639150965

Sede legale: Via Giacomo Peroni, 400 - 00131 Roma
Sede operativa: Via della Stelletta, 23 - 00186 Roma

Popular Science Italia © 2022