Home » Archeologia » Pitture rupestri ai raggi X per svelarne i segreti

Pitture rupestri ai raggi X per svelarne i segreti

La nuova arma a disposizione di archeologi ed esperti del settore sarà composta dai raggi X. Svelare i segreti delle pitture rupestri senza il rischio di danneggiarle sarà possibile grazie all’impiego di tecniche pXrf. A confermarlo è uno studio presentato al Congresso della Società americana di chimica dagli studiosi del Centro di ricerca archeologica Shumla in Texas.

La spettroscopia fluorescente portatile a raggi-X (pXrf)
Nel corso degli anni, molti studiosi nel cercare di raccogliere dei campioni spesso hanno finito per danneggiare i graffiti. “In questo caso abbiamo usato una tecnica chiamata spettroscopia fluorescente portatile a raggi-X (pXrf), in cui l’apparecchio, piccolo, viene portato direttamente sul sito da studiare, senza produrre alcun danno”, precisa Karen Steelman, coordinatrice dello studio. Lo strumento “ci dà l’analisi dei materiali con cui è fatto ed è il primo passo per capire come gli artisti antichi abbiano usato materiali diversi per fare questi dipinti”, prosegue.

I ricercatori si sono concentrati sulle rocce e le caverne dei Lower Pecos Canyonlands in Texas. Già in precedenza avevano analizzato la composizione dei pigmenti di più di 10 siti nella regione, ma senza riuscire a capirne la composizione. Questa volta hanno usato la pXrf per misurare 128 aree dove c’era la sovrapposizione di pigmenti di rosso, nero, bianco e giallo, riuscendo così a determinare lo schema degli strati di pigmento e i loro elementi di composizione.

Inoltre con questo ‘radiografo’ portatile hanno rinvenuto precedenti strati non visti di nero, sotto strati di rosso, fatti di manganese e ossido di ferro rispettivamente. Il che indica un livello di sofisticatezza visto in altri siti di Lower Pecos risalenti a 2.500 e 500 anni prima di Cristo. Infine hanno scoperto delle tracce di piombo, mercurio e selenio che hanno rivelato in alcuni punti il danno prodotto dall’impatto di vecchi proiettili, vandalismo frequente all’inizio del ‘900.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*