Home » Gadget » Arriva il giubbotto hi-tech che stritola come un serpente

Arriva il giubbotto hi-tech che stritola come un serpente

Ricordate il mito di Lacoonte, stritolato da due serpenti giganti per aver cercato di avvisare, inutilmente, i troiani dell’inganno del cavallo di legno? Nel caso voleste provarne l’ebrezza, ma senza conseguenze, da oggi sarà possibile grazie a un giubbotto realizzato dalla Disney, in collaborazione con il Massachusetts Institute of Technology (Mit) e l’Università Carnegie Mellon.

Si tratta di un indumento progettato per portare a un livello superiore la realtà virtuale immersiva che, tra le altre cose, permette di combattere con un gigantesco serpente e sentirsi stritolato dalle sue spire, ovviamente senza correre nessun rischio. La giacca, realizzata a partire da un giubbotto di salvataggio e pesante poco più di due chilogrammi, contiene 26 compartimenti gonfiabili controllati da un computer che possono riprodurre più di una dozzina di sensazioni diverse, come un abbraccio, un pugno o un serpente che striscia lungo il proprio corpo. Questo è possibile modificando la velocità, la forza e la durata di gonfiaggio e sgonfiaggio dei compartimenti in perfetta sincronia con le immagini visualizzate. I ricercatori sperano che il giubbotto possa migliorare l’esperienza virtuale normalmente limitata a scene viste tramite cuffie e a semplici vibrazioni trasmesse dal joystick.

“Lo scopo primario di questa ricerca era quello di esaltare il divertimento ottenuto grazie ai dispositivi per la realtà virtuale immersiva per videogiochi e film” hanno spiegato i ricercatori, che, per testare il prototipo, hanno ideato tre simulazioni molto suggestive: la prima permetteva di combattere una battaglia di palle di neve in un prato innevato, la seconda di sentirsi stritolare dall’amichevole cartone animato di un serpente e la terza consentiva di trovarsi in bagno a torso nudo per assistere alla propria trasformazione in un eroe supermuscoloso.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*